Home Spettacoli “Che Tempo Che Fa”, Sharon Stone: “Adoro l’Italia e sono una grandissima fan di Papa Francesco”

“Che Tempo Che Fa”, Sharon Stone: “Adoro l’Italia e sono una grandissima fan di Papa Francesco”

by Redazione

Ospite del talk di Fabio Fazio l’attrice ha ripercorso la sua carriera, ricordando alcuni aneddoti personali, e ha parlato del suo grande amore per il nostro Paese: “Mi piacciono tantissimo gli italiani, particolarmente mi piace il calore e la gentilezza degli italiani” ha detto Sharon Stone.

È una Sharon Stone inedita quella che si è raccontata a “Che Tempo Che Fa” nella puntata in onda domenica 16 maggio. In collegamento dalla sua casa negli Stati Uniti la diva ha ripercorso i momenti più importanti della sua carriera, e ha rivelato come il primo a notarla fu Muhammad Alì, che la vide a un concorso di bellezza e le predisse una fulgida carriera nel mondo del cinema.

Ali era al concorso di Miss Pennsylvania, mi ha vista e poi ha telefonato a mio padre e mi ha offerto una parte nel suo film. Mio padre ha risposto che non sarei mai stata un’attrice e che sarei andata all’università. Ali ha detto a mio padre che poteva nascondermi in qualche modo ma non sarebbe stato in grado di nascondere la mia luce e che sarei diventata una star del cinema e mio padre ha risposto ‘Sì, lo vedremo!’” ha raccontato l’attrice.

A far conoscere la diva in tutto il mondo fu il celebre film “Basic Instinct”, che Sharon Stone ha ricordato con queste parole:

Ha cambiato il modo in cui la gente mi ha guardata e mi ha trattata. In realtà non penso che abbia cambiato me o la mia vita, c’è voluto parecchio tempo per riconoscerlo e per capire che quel comportamento non riguardava me, riguardava gli altri”.

La diva ha parlato non solo della sua carriera ma anche della sua vita personale, rammentando fra l’altro la drammatica esperienza vissuta nel 2001, quando fu colpita da emorragia cerebrale.

Si è rotta la mia arteria vertebrale, ho avuto un’emorragia cerebrale per 9 giorni e poi un ictus. Avrei avuto pochissime possibilità di recupero però le preghiere globali e il fatto che io le abbia accettate e ne sia stata così grata mi hanno aiutata. Poi è stata la forza e la determinazione del medico, il Signor Lawton, che mi ha aiutata tantissimo; sono stata così fortunata, sono sopravvissuta. Penso che tutte le persone che ho incontrato e che hanno avuto un’esperienza di vita simile, e ne ho incontrate parecchie in effetti che hanno avuto queste esperienze davvero dure nella vita, hanno reagito come me. Tutto sommato siamo tutti una famiglia globale adesso che stiamo attraversando questa crisi del Covid. Tanti di noi hanno affrontato il trauma, la perdita e crisi davvero complessissime. In un certo senso ora non sono da sola nel capire cosa significa analizzare il trauma. Adesso guardiamo le cose in modo diverso, il 2020 sicuramente è stato l’anno della chiarezza. Abbiamo dovuto guardare a chi siamo veramente e a come possiamo affrontare il trauma insieme”.

Sharon Stone ha inoltre confessato il suo grande amore per l’Italia e ha svelato di essere una grande fan di Papa Francesco:

Adoro l’Italia e mi piacciono tantissimo gli italiani, particolarmente mi piace il calore e la gentilezza degli italiani. Tra l’altro sono una grandissima fan di Papa Francesco, credo davvero che questo Papa abbia voluto includere tutti quanti, non soltanto alcuni e non soltanto i cattolici. Penso stia cercando di fare il proprio meglio per il maggior numero di persone possibili per fare del bene. Io ho avuto un’opportunità fantastica di lavorare con il Papa su una raccolta fondi per creare ospedali nel Sud Sudan. Quello è stato davvero entusiasmante. Tutte le volte che ho l’opportunità di creare strutture sanitarie attraverso raccolte fondi, che sia con il Vaticano o con la Croce Rossa che è molto attiva in Italia, io mi sento orgogliosa. Penso che gli italiani cerchino sempre di fare uno sforzo per garantire la cura e la prosperità non soltanto per il popolo italiano ma molto di più per gli immigrati che vengono da tanti Paesi. Ho avuto la fantastica opportunità di lavorare con Betty Williams, premio Nobel per la Pace, che ci ha aiutato a finanziare e a costruire la Città della Pace e questa è stata un’esperienza incredibile. Poi ho lavorato anche con Andrea Bocelli e con la sua Fondazione perché abbiamo cercato di sollevare le persone dalla tragedia del terremoto. Insomma, ho lavorato per tantissime persone fantastiche in Italia” ha concluso la diva.

Related Articles

Leave a Comment

Questo sito utilizza dei cookies per ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Accetto Privacy Policy