Home PeopleAttualità Dieci anni fa moriva Pietro Taricone

Dieci anni fa moriva Pietro Taricone

by Redazione
0 comment

Il protagonista del primo Grande Fratello perse la vita a causa di un tragico incidente durante un volo con il paracadute. Il ricordo di Kasia Smutniak.

Sono trascorsi dieci anni dalla morte di Pietro Taricone, avvenuta a causa di un tragico incidente durante un volo con il paracadute. L’incidente sconvolse l’Italia intera, che non ha mai dimenticato (e mai dimenticherà) il sorriso e la simpatia del protagonista del primo “Grande Fratello” (in fondo potete vedere la bella intervista di Daria Bignardi a Pietro nel corso del programma “Invasioni Barbariche“).

L’incidente.

Pietro amava il volo sportivo, e condivideva questa passione con la sua compagna Kasia Smutniak, la splendida attrice polacca che aveva conosciuto nel 2003 sul set del film “Radio West“. La mattina del 28 giugno 2010 Pietro e Kasia avevano deciso di effettuare un lancio con il paracadute dall’aviosuperficie Alvaro Leonardi di Terni. Ma durante la discesa di Pietro qualcosa era andato storto e una serie di complicazioni aveva fatto sì che l’ex gieffino atterrasse a velocità troppo elevata rispetto alla norma.

Pietro era stato immediatamente trasportato presso l’ospedale Santa Maria di Terni e sottoposto d’urgenza a un intervento chirurgico di nove ore. Troppo gravi erano stati però il trauma e le fratture riportati: l’attore moriva intorno alle 2.30 del 29 giugno, a soli 35 anni, lasciando Kasia Smutniak e la loro figlia Sophie, nata il 4 settembre 2004.

La carriera: dal “Grande Fratello” al cinema.

Pietro Taricone nel confessionale del “Grande Fratello”
Pietro Taricone e Cristina Plevani nella casa del Grande Fratello: dopo il flirt avuto durante il reality fra i due era rimasta una bella amicizia.

Pietro Taricone, che era nato a Frosinone e cresciuto a Caserta, era stato il simbolo della prima edizione del “Grande Fratello” e aveva conquistato il pubblico con la sua simpatia e la sua ironia innate. Dopo il reality aveva iniziato a studiare recitazione ed aveva esordito prima in televisione in “Distretto di Polizia 3, nel 2002, e l’anno successivo al cinema, con “Ricordati di me” di Gabriele Muccino e “Radio West” di Alessandro Valori.

Poi ancora film e tante fiction: “Codice Rosso” al fianco di Alessandro Gassman, trasmesso nel 2006 su Canale 5 e che ottenne un grande successo,  “Maradona – La Mano de Dios“, film di Marco Risi dedicato a Diego Armando Maradona, “Tutti pazzi per amore“, fiction del 2008 alla quale partecipò anche nel 2010 per la seconda stagione, e nello stesso anno “Feisbum – il film“, ispirato al social network Facebook. Sempre nel 2008 fu nel cast de” La nuova squadra”, serie televisiva poliziesca italiana ambientata a Napoli, trasmessa da Rai 3. La miniserie “Baciati dall’amore“, girata poco prima della sua morte, fu trasmessa postuma da Canale 5.

Il ricordo di Kasia Smutniak.

Pietro Taricone e Kasia Smutniak

Nel decimo anniversario della morte di Pietro Kasia Smutniak ha ricordato l’ex compagno pubblicando sui social una foto in cui due bambini, fotografati di spalle, guardano un panorama mozzafiato. È la montagna nel Mustang, in Nepal: quel posto era molto caro a Pietro e Kasia, che lo avevano visitato solo una volta ma se ne erano innamorati. Così, per ricordare l’ex compagno, l’attrice ha fondato la “Pietro Taricone Onlus”, associazione che sostiene quella comunità e che ha costruito sul posto una scuola, ad oggi frequentata da 56 bambini.

Anni fa Kasia ha raccontato Pietro con parole tenere e commoventi in una bellissima lettera:

Chiunque lo abbia conosciuto ha capito che era una persona speciale, era veramente unico. Lui era sempre molto riservato, sensibile e molto schietto. Io sono stata la più fortunata perché l’ho avuto per otto anni tutto per me. In questi otto anni abbiamo fatto di tutto, ci siamo detti tutto. Avevamo litigato, ci eravamo lasciati, poi siamo tornati insieme. È stato proprio il paracadutismo a farci ritrovare. Noi ci siamo ritrovati, eravamo felici. Non potevamo darci più di così”.

Related Articles

Leave a Comment

Questo sito utilizza dei cookies per ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Accetto Privacy Policy

error: Content Protect !!