Home SpettacoliCinema Elio Germano e il ruolo di Antonio Ligabue: un omaggio alla fragilità come valore e come forza

Elio Germano e il ruolo di Antonio Ligabue: un omaggio alla fragilità come valore e come forza

by Redazione

L’attore ha trionfato ai David di Donatello 2021 come miglior attore protagonista grazie alla sua interpretazione del celebre pittore e scultore nel film “Volevo Nascondermi“.

Nella notte dei David di Donatello 2021 è Elio Germano a trionfare come miglior attore protagonista grazie alla sua interpretazione nel film “Volevo Nascondermi“, nel quale ha vestito i panni di Antonio Ligabue, personaggio novecentesco particolarissimo, tenero e inquieto. L’attore tempo fa ha rivelato che calarsi nei panni del celebre pittore e scultore non è stato per niente facile.

Embed from Getty Images

Antonio Ligabue: un ruolo molto complesso.

“Voglio dedicare  questo film  a tutti gli storti, tutti gli sbagliati, tutti gli emarginati, tutti i fuori casta

– aveva detto Germano specificando:

“- e ad Antonio Ligabue e alla grande lezione che ci ha dato, che è ancora con noi, che quello che facciamo in vita rimane. Lui diceva sempre ‘Un giorno faranno un film su di me’, ed eccoci qui!”

Un ruolo complesso e a tinte scure quello del pittore, l’ultimo, povero, rachitico, il “diverso” nel paese , il primo nell’universo della sua immaginazione e nell’identità che solo nell’arte è riuscito a vedere riconosciuta.

Elio Germano nel ruolo del pittore Ligabue

Per calarsi nei panni di questo straordinario artista, Germano ha svolto un lungo lavoro di studio sulle foto, sulle registrazioni della sua voce ma soprattutto sui racconti delle persone:

“Abbiamo fatto un lavoro di ricerca intervistando le persone che realmente lo avevano conosciuto e che avevano realmente convissuto con lui; ho dovuto fare un lavoro da giornalista per pulire le fonti perché nella parte finale della sua vita, quando iniziò ad ottenere successo e notorietà, in tanti si misero a dire che lo conoscevano e ne erano amici ma così non era. Ho quindi dovuto eliminare le fake news.”

-aveva spiegato durante la conferenza di stampa di presentazione del film al Festival internazionale del cinema di Berlino 2020, dove, sempre per l’interpretazione di Antonio Ligabue, ha vinto l’Orso d’argento.

Elio Germano ritira l’Orso d’argento come Miglior Attore al Festival internazionale del cinema di Berlino 2020

I dubbi di Elio Germano.

Lo stesso Germano aveva però dei dubbi sulla possibilità di riuscire ad interpretare al meglio Ligabue:

“C’è stato innanzitutto il lavoro sull’esteriorità perché non sarei stato capace di recitare una deformità fisica dovendola tenere in mente ogni giorno mentre ero sul set.

Quindi all’inizio ero un po’ incerto sulla possibilità anche da parte mia di realizzare questo lavoro. Poi, grazie al lavoro di prostetica e con le acconciature si è materializzata per me la possibilità di avere una chiave interpretativa:  dimenticando la sua deformità ho potuto lavorare  sulla naturalezza di Ligabue come persona e entrare nel suo corpo per non dovere recitare una deformità ma essere davvero deforme.”

Una scena di “Volevo nascondermi”

Non ha mai cambiato la sua pittura per piacere, neanche quando aveva fame“.

Nella sua interpretazione Germano è così riuscito a valorizzare al meglio anche l’energia vitale del pittore, la sua fragilità, la sua dignità:

“E’ un personaggio che da subito mi ha colpito per la sua energia vitale, la volontà di essere se stesso contro tutto e tutti, con la sua fragilità e con il suo essere sbagliato.

C’è una grande forma di dignità in questo. Lui non ha mai cercato una qualche forma di compromesso,  non ha mai cercato di andare incontro al gusto di qualcuno anche quando la sua necessità era quella di mangiare, non ha mai cambiato la sua pittura per piacere al pubblico e in questo trovavo una grandissima lezione, una lezione di umanità.”

(Foto in evidenza: Elio Germano sul palco dei David di Donatello 2021, Via Instagram, @premidavid)

Related Articles

Leave a Comment

Questo sito utilizza dei cookies per ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Accetto Privacy Policy