Home SpettacoliGrande Fratello GF Vip, Kabir Bedi costretto a dormire in salone da solo: il web si infuria

GF Vip, Kabir Bedi costretto a dormire in salone da solo: il web si infuria

by Redazione

L’attore 75enne ha dovuto abbandonare il suo letto e andare a dormire in salotto perché il suo russare infastidiva i compagni di stanza: l’indignazione della rete.

È tanta l’indignazione che sta circolando in queste ore sul web dopo il trattamento riservato la notte scorsa nella Casa del Grande Fratello Vip a Kabir Bedi. L’attore pakistano, “colpevole” di russare troppo, è stato infatti ripetutamente svegliato perché infastidiva i compagni di stanza: alla fine Kabir ha dovuto dormire sul divano in sala, dove ci sono le luci accese e lo spazio non è progettato per far dormire qualcuno. Stamattina Kabir si è scusato con tutti i gieffini per il suo russare ma ha anche aggiunto che dormire in salone è stato “abbastanza triste“.

Le immagini dell’attore 75enne steso sul divano hanno suscitato l’indignazione di molti internauti e fatto esplodere una polemica social: gli utenti – che lodano la grande educazione di Kabir  –  sottolineano la disparità di trattamento con Katia Ricciarelli, che ha una sua stanza personale (come è accaduto per Patrizia De Blank l’anno scorso), e anche con Giucas Casella, che dorme in una stanza diversa da quella di Kabir e, come lui, ha il problema di russare ma non è mai stato né svegliato né costretto ad alzarsi.

Ad essere criticato è stato in particolare il comportamento di Manila Nazzaro: sembra infatti che sia stata l’ex Miss Italia a indurre l’attore 75enne ad abbandonare la stanza.

Stanotte ha dormito fuori perché ha russato e Manila le ha detto domani me la paghi. E lui ha non voglio disturbare vado a dormire sul cubo” ha raccontato Carmen Russo a Giucas Casella, evidenziando l’atteggiamento rispettoso di Kabir. Gli internauti non mancano di sottolineare come Manila sia invece sempre piena di premure per Katia Ricciarelli, giustificando le sue attenzioni anche con l’età della soprano.

Related Articles

Leave a Comment

Questo sito utilizza dei cookies per ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Accetto Privacy Policy