Home SpettacoliCinema Giulietta Masina: una storia d’amore lunga tutta una vita con Federico

Giulietta Masina: una storia d’amore lunga tutta una vita con Federico

by Redazione
0 comment

Adorata dal marito, il geniale regista Fellini, oggi Giulietta avrebbe compiuto 100 anni: attrice poliedrica e colta, è stata soprannominata ‘la Charlot al femminile’

Cento anni fa, il 22 febbraio 1921, nasceva a San Giorgio di Piano, vicino a Bologna, Giulia Anna Masina: qui la ricordano oggi con l’evento “A Giulietta  con affetto”, cerimonia ricca di pensieri,  testimonianze, ricordi di questa attrice talentuosa ed indimenticabile, musa e moglie del geniale regista Federico Fellini. Di lei Charlie Chaplin diceva:” E’ l’attrice che in assoluto io ammiro di più”.

Il colpo di fulmine con Fellini

Embed from Getty Images

Giulia Anna, piccolina, minuta, intelligente, colta, con una grande attitudine per la recitazione, ha incontrato Fellini nel 1942, in uno studio di registrazione dell’Eiar, la radio del regime fascista: tra i due c’è stato un colpo di fulmine  e per Federico Giulia Anna è diventata per sempre  “Giulietta”, l’amata per eccellenza.

Embed from Getty Images

Si sono sposati l’anno dopo, segretamente, in casa, in una Roma occupata dai tedeschi e come unico festeggiamento uno spettacolo di varietà dell’amico Alberto Sordi, che alla fine della sua performance ha  chiesto al pubblico un applauso benaugurante per i novelli sposi .

“Una Charlot al femminile”

Embed from Getty Images

Diretta da Federico, Giulietta ha girato alcuni dei film  più significativi della sua carriera : la sua Gelsomina, che  Fellini ha ideato su misura per lei, candido ed indimenticabile folletto al seguito del rude saltimbanco Zampanò, interpretato da Anthony Quinn ,ha conquistato la platea dell’Academy, che ha consacrato “La strada” con l’Oscar al miglior film straniero, nel 1954.E’ per  questo ruolo che  gli inglesi l’hanno chiamata “the female Chaplin”, la Charlot al femminile.

Embed from Getty Images

Giulietta sapeva interpretare ruoli diversissimi con la stessa maestria e l’eleganza della ragazza di buona famiglia laureata in lettere che aveva studiato dalle Orsoline: è stata Cabiria, la prostituta dal cuore d’oro, positiva, battagliera, coraggiosa che con “Le notti di Cabiria” nel 1957 conquista un altro Oscar. E’ stata la signora borghese in “Giulietta degli spiriti” ed una ballerina di tip tap al tramonto in “Ginger e Fred”.

“Un infedele monogamo”

Embed from Getty Images

Fellini la adorò per tutta la vita, la definiva “una fata”, una “principessa”, la considerava l’altra metà di sè stesso , anche se non sapeva rinunciare alle sue passioni extraconiugali, con donne diversissime da lei, come le giunoniche Sandra Milo o Anita Ekberg. Tullio Kezich ha scritto che “Federico era infedele ma monogamo”.

Embed from Getty Images

Dal letto d’ospedale Federico le scriveva:

“Giuliettina mia adorata, sei sempre una ragazzetta in gambissima e insieme con il tuo vecchierello faremo ancora qualche ‘pastrocchio’. Con te vicino sono ancora capace di fare capriole”.

Un amore per sempre

Embed from Getty Images

Giulietta è sempre stata al fianco del marito, fino a quella sera al Teatro Dorothy Pavillon di Los Angeles, il 29 marzo 1993, mentre lo guardava ricevere l’Oscar alla carriera dalle mani di Sophia Loren e Marcello Mastroianni. Piangeva Giulietta, e non solo per l’emozione del riconoscimento, per il quale suo marito l’ha ringraziata, gridandole alla fine del suo discorso: “Giulietta, please, smettila di piangere”.

Al suo amato restava solo qualche mese di vita, a lei poco di più.

Embed from Getty Images

Sono stati insieme 50 anni e lui, molto malato, se ne è andato  solo pochi giorni dopo le nozze d’oro, il 31 0ttobre 1993.Lei era sempre stata la cosa più importante per lui e infatti aveva detto:

“Il nostro primo incontro io non me lo ricordo, perché in realtà io sono nato il giorno in cui ho visto Giulietta per la prima volta!”

Embed from Getty Images

Lei se ne è andata cinque mesi dopo e ha voluto essere sepolta con lo stesso vestito che indossava la sera degli Oscar al Dorothy Pavillon.

Credits immagine in evidenza: fonte Twitter

Related Articles

Leave a Comment

Questo sito utilizza dei cookies per ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Accetto Privacy Policy

error: Content Protect !!