Home SpettacoliCinema Lady Gaga: “Vi racconto perchè non ho mai voluto incontrare Patrizia Reggiani Gucci”

Lady Gaga: “Vi racconto perchè non ho mai voluto incontrare Patrizia Reggiani Gucci”

by Redazione

In un’intervista a Vogue la cantante finalmente spiega perché, prima e durante le riprese di House of Gucci, non ha mai voluto conoscere la vera Patrizia Reggiani.

In Italia sale l’attesa per l’uscita nelle sale di “House of Gucci”, la pellicola di Ridley Scott che ricostruisce la vicenda dell’inizio e della fine dell’amore tra Maurizio Gucci e Patrizia Reggiani Martinelli e delle vicende che hanno portato all’omicidio dell’imprenditore.

Embed from Getty Images

Il 24 Novembre 2021 il film sarà rilasciato negli Stati Uniti d’America. Il 16 Dicembre 2021 sarà invece distribuito nei cinema in Italia da Eagle Pictures.

Embed from Getty Images

Intanto Lady Gaga, che ha interpretato Patrizia Reggiani, ha finalmente spiegato in un’intervista a Vogue il motivo per cui non abbia mai voluto incontrare Patrizia la quale, dopo avere scontato la pena comminatale dalla giustizia italiana che l’ha ritenuta responsabile dell’omicidio dell’ex marito in qualità di mandante, ora vive a Milano, in una lussuosa villa ereditata dalla defunta madre Silvana Barbieri, deceduta nel 2019.

La Reggiani non aveva nascosto che il non essere mai stata interpellata da Lady Gaga l’aveva infastidita (ne avevamo parlato qui).

“Mi affascinava il percorso di questa donna.”

Patrizia Reggiani – screenshot

ha chiarito Lady Gaga a Vogue,

 “Non volevo sentire nessuna opinione che potesse influenzare in alcun modo il mio pensiero. Come potrei non interpretare una stronza così, grintosa, sexy, sconsiderata e audace? Una cacciatrice di dote, italiana, e ribelle?”.

Credits: House of Gucci Official Instagram @houseofguccimovie

La cantante ha sottolineato che il suo approccio nello studio del personaggio è stato quello di

“una donna curiosa, che ha uno spirito giornalistico, che vuole leggere fra le righe di quello che accadeva nelle scene del film. E questo significa che nessuno mi avrebbe dovuto dire chi era Patrizia Gucci. Nemmeno Patrizia Gucci”.

Il procedimento utilizzato dalla cantante per calarsi nel ruolo è stato peculiare:

“Ho vissuto come lei (come Patrizia Reggiani, ndr) per un anno e mezzo. E ho parlato con il suo accento per nove mesi. Anche fuori dal set. Non ho mai staccato. Sono stata sempre con lei. Era praticamente impossibile per me parlare come lei restando bionda. Ho dovuto subito tingermi i capelli, e ho cominciato a vivere in un modo per cui qualunque cosa vedessi, qualunque cosa toccassi, iniziavo a notare dove e quando ci potessi vedere il denaro”.

Credits: House of Gucci Official Instagram @houseofguccimovie

Lady Gaga si augura che questo film possa fare riflettere le persone su un aspetto molto specifico:

“Non voglio celebrare una persona capace di commettere un omicidio. Ma desidero rendere omaggio alle donne che nel corso della storia hanno imparato a sopravvivere, e alle conseguenze più spiacevoli della sofferenza. Spero che le donne guardino il film, e che rammentino a se stesse che bisogna riflettere bene sul fatto che le persone ferite poi feriscono gli altri. Ed è pericoloso. Cosa succede a una persona quando viene portata al limite?”

Il pensiero della cantante va però alle figlie di Patrizia, Allegra ed Alessandra, amatissime dalla madre e con la quale, nel tempo, i rapporti si sono raffreddati:

“Le persone a cui tengo di più in tutto questo percorso sono le sue figlie e a loro mando amore e solidarietà, perché sono certa che l’uscita di questo film potrebbe rivelarsi estremamente difficile o dolorosa per loro. E non desidero altro che pace per i loro cuori”.

Embed from Getty Images

Credits immagine in evidenza: House of Gucci Official Instagram @houseofguccimovie

Related Articles

Leave a Comment

Questo sito utilizza dei cookies per ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Accetto Privacy Policy

Mi dispiace che tu non possa copiare questi contenuti. Se hai trovato qualcosa d'interessante, contattaci e parliamone!