Home PeopleAttualità Mara Venier: “Vergognoso accostare un mio gesto goliardico al caso di Greta Beccaglia”

Mara Venier: “Vergognoso accostare un mio gesto goliardico al caso di Greta Beccaglia”

by Redazione

La conduttrice di “Domenica In”, furente, ha rivelato all’Adnkronos di essere pronta ad agire per vie legali: “Non permetto a nessuno di mettere insieme queste vicende” ha detto Mara Venier.

Vergognoso accostare il gesto goliardico fatto con simpatia e affetto da zia Mara in assoluta buona fede nei confronti di Alvise, mio concittadino veneziano, all’atto di molestia nei confronti della giornalista sportiva di Toscana Tv“. Così Mara Venier ha commentato con l’Adnkronos la valutazione di chi ha accostato il suo gesto a “Domenica In” verso Alvise Rigo, concorrente di “Ballando con le Stelle”, alla molestia subita dalla giornalista Greta Beccaglia in diretta tv mentre intervistava i tifosi dopo l’incontro Empoli-Fiorentina.

Ma cosa è successo? Durante la puntata di “Domenica In” andata in onda il 28 novembre scorso, nel blocco dedicato al dancing show condotto da Milly Carlucci, la Venier ha scherzato insieme a Rossella Erra (opinionista di “Ballando”) sull’avvenenza di Alvise e, su invito ironico della stessa Erra, ha sfiorato altrettanto ironicamente il lato B del 29enne ex rugbista, in un clima goliardico e del tutto giocoso, nel quale anche Alvise si è prestato alla gag.

Prima di scrivere un pezzo così un giornalista ci deve pensare molto bene. Non accetto di essere accostata alle molestie sessuali. Non mi va bene e sto valutando col mio avvocato un’azione legale. Le molestie sessuali sono una cosa. Una bottarella al sedere fatta ridendo è un’altra cosa. Ho mandato tutto al mio avvocato Carlo Longari e valuteremo se è il caso di querelare il giornalista. Non permetto a nessuno di mettere insieme queste vicende. Chiedete ad Alvise se si è sentito molestato” ha detto Mara Venier.

Raggiunto dall’Adnkronos Alvise Rigo ha replicato:

Se mi sono sentito molestato? Ma scherziamo? Mara è una zia per me. Il nostro era un gioco. Non è assolutamente accostabile una cosa così grave come quella accaduta alla giornalista sportiva Beccaglia a una cosa così simpatica e goliardica come quella fra Mara e me“.

Related Articles

Leave a Comment

Questo sito utilizza dei cookies per ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Accetto Privacy Policy