Home PeopleAttualità Mario Draghi: “Per coloro che non ci sono più dobbiamo rendere il mondo così come lo sognavano per figli e nipoti”

Mario Draghi: “Per coloro che non ci sono più dobbiamo rendere il mondo così come lo sognavano per figli e nipoti”

by Redazione

Nella prima Giornata nazionale in memoria delle vittime della pandemia di Covid-19 il premier si è recato a Bergamo: “Questo luogo è un simbolo del dolore di un’intera nazione. Siamo qui per promettere ai nostri anziani che non accadrà più che le persone fragili non vengano adeguatamente assistite” ha detto Draghi (video).

Da quest’anno, ogni 18 marzo, si celebrerà la ricorrenza per ricordare i morti nella pandemia di coronavirus. Esattamente la sera del 18 marzo, un anno fa, iniziarono ad arrivare da Bergamo le immagini della colonna dei mezzi militari che trasportavano fuori città centinaia di bare delle vittime della prima ondata di Covid: le salme erano troppe per essere portate alla cremazione entro il perimetro cittadino.

Quelle immagini si diffusero rapidamente in tutto il mondo, divenendo icona della tragedia che l’Italia stava vivendo: dopo la Cina il nostro è stato infatti il primo Paese ad essere colpito da un nemico misterioso, sconosciuto, invisibile.

Mario Draghi ricorda le vittime del Covid.

Mario Draghi depone una corona di fiori al Cimitero monumentale di Bergamo (Foto Via Instagram, @palazzo_chigi)

 Per le celebrazioni in ricordo delle vittime oggi il Presidente del Consiglio Mario Draghi si è recato a Bergamo, la città più colpita dalla prima ondata dell’epidemia, con oltre 3400 vittime ufficiali (ma in realtà potrebbero essere molte di più, fino a 6000 circa).

Al Cimitero Monumentale di Bergamo il premier ha deposto una corona di fiori sulla stele dedicata alle vittime del Covid: la cerimonia si è svolta in totale silenzio, interrotto solo dalla voce che ha letto la suggestiva poesia di Ernesto Oliva, “Tu ci sei“, scolpita sulla stele.

Rivolgendosi al Sindaco, alle Autorità presenti, ai bergamaschi e al Paese il Presidente Draghi ha detto:

Questo luogo è un simbolo del dolore di un’intera nazione. È anche il luogo di un impegno solenne che oggi prendiamo. Siamo qui per promettere ai nostri anziani che non accadrà più che le persone fragili non vengano adeguatamente assistite e protette. Solo così rispetteremo la dignità di coloro che ci hanno lasciato” ha sottolineato il premier. “Non possiamo abbracciarci ma questo è il giorno in cui dobbiamo sentirci tutti più uniti“.

Vorrei che mi sentiste vicino, nella tristezza e nella speranza. Lo Stato c’è e ci sarà. Tutta la comunità bergamasca ha dato prova di saper reagire, di trasformare i lutti e le difficoltà in voglia di riscatto, Il suo esempio è prezioso per tutti gli Italiani che, sono certo, non vedono l’ora di rialzare la testa, di ripartire, liberare le loro energie che hanno reso meraviglioso questo Paese.”

Il Bosco della memoria.

Mario Draghi tiene il discorso di inaugurazione del Bosco della Memoria nel corso della cerimonia per la messa a dimora dei primi 100 alberi (Foto Via Instagram, @palazzo_chigi).

La cerimonia è proseguita al Parco Martin Lutero alla Trucca, quasi di fronte all’Ospedale Papa Giovanni, il grande nosocomio cittadino baluardo della lotta al Covid, che si è preso cura di oltre mille malati: qui nascerà il Bosco della memoria, qui verranno piantate a breve 100 piante di diversa tipologia, che diventeranno 850 entro l’autunno (in fondo potete vedere il video del discorso di Mario Draghi durante l’inaugurazione).

 Il primo ad essere piantato alla presenza delle Autorità è stato un tiglio, proveniente da un piccolo comune della Puglia, che fa parte dell’Associazione dei Comuni virtuosi, uniti ed impegnati per arricchire il nostro territorio del verde di cui necessita. Il Bosco della memoria sarà lo spazio in cui i bambini potranno seguire incontri didattici, le persone potranno stare insieme, per parlare e ricordare.

Il Bosco metterà radici profonde e la paura del futuro diventerà speranza.

Mario Draghi durante la cerimonia di inizio della piantumazione del Bosco della Memoria (Foto Via Instagram, @palazzo_chigi).

Con queste parole il presidente Mario Draghi si è congedato dalla comunità di Bergamo:

Dobbiamo ricostruire senza dimenticare e in memoria di chi non c’è più dobbiamo cercare di rendere il mondo così come loro lo sognavano per i loro figli e nipoti“.

(Foto in evidenza: Mario Draghi durante il discorso di commemorazione delle vittime del Covid a Bergamo, Via Instagram, @palazzo_chigi)

Related Articles

Leave a Comment

Questo sito utilizza dei cookies per ottimizzare la tua esperienza di navigazione. Accetto Privacy Policy